I rapporti dell'87a Conferenza EUROCONSTRUCT SCOPRI DI PIU'

CAMPAGNA ASSOCIATIVA CRESME 2019 Scopri di più

IL MERCATO DELLE COSTRUZIONI 2018-2023

Copertina congiunturale

Nel rapporto dello scorso anno si disegnava un quadro economico positivo, ma segnato dai rischi politici: “la determinante principale dei mercati finanziari – scriveva la Banca dei Regolamenti internazionali - sono diventati gli eventi politici”. In realtà, quello che sembra emergere è qualcosa di più degli eventi politici, ovvero, un forte cambiamento delle politiche economiche.

L’implementazione della cosiddetta “Trumpnomics” sta generando una guerra commerciale Cina-USA e, potenzialmente, USA-Europa, alimentando i rischi di una stagione burrascosa per le esportazioni e il commercio mondiale; la politica dei tassi della FED fa invertire i trend di crescita della borsa americana, ma innesca, al contempo, l’inversione dei flussi di capitali dalle economie emergenti verso il più sicuro (e nuovamente redditizio) mercato obbligazionario americano (Turchia e Argentina già ne pagano le conseguenze); nella primavera del 2019 l’Europa vivrà una delle campagne elettorali più impegnative della sua storia, con spinte nazionaliste in molti Paesi e con al centro: politica economica e tema dei migranti; in Italia, un nuovo governo, e una nuova politica economica, per ora, riaccendono lo spread e dividono esperti e Paese.

Anche i mercati cominciano a mostrare segni di criticità: per molti analisti gli indici del mercato immobiliare degli Stati Uniti hanno raggiunto livelli comparabili con quelli della crisi 2005-2007, e i timori dell’esplosione di una nuova bolla non sono infondati, anche perché in molte altre economie avanzate (vedi Regno Unito, Nord Europa e persino Germania) i prezzi degli immobili sono schizzati verso l’alto (ma non in Italia), mentre la questione dell’esposizione del sistema finanziario non è per nulla risolta.

Il settore delle costruzioni, mentre vive la sua rivoluzione industriale e una drammatica riconfigurazione, si trova così in una nuova fase incerta e difficile, extra-settore, proprio mentre i dati sino a maggio 2018 andavano confermando una ripresa degli investimenti, non solo per la riqualificazione del patrimonio esistente, ma anche per le nuove costruzioni e le opere pubbliche.

Nel XXVI rapporto CRESME si ricompone il complicato puzzle del mercato, arrivando a definire il nuovo scenario previsionale e i driver del cambiamento.

 

INDICE DEL RAPPORTO CONGIUNTURALE

  1. LO SCENARIO MACROECONOMICO MONDIALE 1-3
    1. LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE 1-5
      1. Gli albori di una guerra commerciale: l’impatto sull’economia reale 1-5
      2. Trumponomics: dopo le elezioni di midterm1-8
      3. Instabilità geopolitica: i casi di Turchia e Argentina e il nuovo Brasile di Bolsonaro1-9
      4. Democrazia e spinte sovraniste: la necessità di ripensare le politiche economiche1-11
      5. Brexit: il punto della situazione e i rischi finanziari di un “no-deal”1-12
      6. I corsi delle commodity1-13
      7. Inflazione, mercati finanziari e politiche monetarie1-14
    2. GLI OUTLOOK TERRITORIALI 1-15
    3. LA CONGIUNTURA NELL’EUROZONA 1-23
  2. IL MERCATO MONDIALE DELLE COSTRUZIONI 2-3
    1. LO SCENARIO GLOBALE 2-7
      1. Trend globali 2-10
      2. La Cina e la Nuova Via della Seta2-14
      3. L’ascesa del mercato degli impianti2-18
    2. MERCATI LOCALI 2-21
      1. Gli outlook nazionali2-23
      2. Le aree strategiche2-29
      3. Le costruzioni in Europa2-31
    3. IL MERCATO INTERNAZIONALE DEI GRANDI GENERAL CONTRACTORS2-54
      1. Quadro di sintesi: 2017 in ripresa ma a trainare il mercato è la domanda interna2-54
      2. Tirano i mercati maturi, Asia compresa. Frenano Medio Oriente e Nord Africa. Senza appeal l’America Latina2-56
      3. Fattori chiave per la crescita e l’incertezza nel 20172-57
      4. Prosegue la corsa dei trasporti, in ripresa edilizia ed energia. Impianti petroliferi e manifatturieri al palo2-61
      5. La top-ten nel mercato mondiale: entrano le indiane2-62
      6. I big italiani escono dalla classifica (-30% il fatturato), ma per quelli che restano tira l’attività fuori casa (+13%)2-64
  3. LE COSTRUZIONI IN ITALIA 3-3
    1. IL CONTESTO ECONOMICO 3-3
      1. Fattori di rischio in un quadro di crescita già debole3-6
      2. Le dinamiche congiunturali dell’economia italiana3-7
      3. Demografia e contesto sociale3-15
      4. Occupazione3-26
    2. COSTRUZIONI: SE LA SITUAZIONE NON DEGENERA SONO UNA RISPOSTA PER LA CRESCITA3-35
      1. L’ombra della recessione, appena usciti dalla crisi… come una falsa partenza?3-35
      2. Stime a confronto degli investimenti in costruzioni3-37
      3. Indicatori e punti di rilevazione congiunturali del mercato a confronto3-39
      4. E adesso? Quale scenario previsionale?3-47
      5. Confermato dal 2018 il nuovo ciclo di crescita degli investimenti in opere pubbliche. Resta incerta l’intensità e la durata3-56
  4. IL MERCATO IMMOBILIARE4-3
    1. GLI INDICATORI MOSTRANO LA “NORMALIZZAZIONE” DEL MERCATO MA I PREZZI CRESCONO SOLO NELLE AREE PIÙ DINAMICHE E ATTRATTIVE4-3
    2. UNA RIPRESA PIÙ ROBUSTA GRAZIE AL CONTRIBUTO DEI GRANDI MERCATI E DEI COMUNI NON CAPOLUOGO4-6
      1. La mappa dei territori vincenti e di quelli ancora in forte difficoltà al 20184-9
      2. Il contributo dell’indagine Banca d’Italia – Tecnoborsa – Agenzia delle Entrate4-12
      3. La dimensione degli alloggi compravenduti in Italia e nelle città capoluogo4-15
      4. L’indice di fiducia e la propensione all’acquisto immobiliare4-16
    3. I PREZZI DELLE ABITAZIONI4-17
      1. Le dinamiche territoriali dei prezzi: non si ferma il calo delle quotazioni ma i mercati più attrattivi registrano i primi incrementi di prezzo4-18
      2. Ricostruzione di lungo periodo dei cicli immobiliari in Italia4-19
      3. Le prospettive 2019: nel settore residenziale si consolida la ripresa delle transazioni e la locazione continua a crescere mentre il mercato non residenziale “corporate” rallenta dopo aver battuto tutti i record di investimento nel 20174-23
    4. STOCK IMMOBILIARE, PATRIMONIO E FATTURATO DELL’INDUSTRIA IMMOBILIARE4-35
    5. L’INDEBITAMENTO PER L’ACQUISTO IMMOBILIARE4-42
    6. LE COMPRAVENDITE DI IMMOBILI NON RESIDENZIALI4-47
    7. SCHEDE: LE PROVINCE DELLE 14 CITTÀ METROPOLITANE4-51
  5. PRODUZIONE FISICA E TERRITORIO 5-3
    1. IL QUADRO COMPLESSIVO: RIPRESA EVIDENTE CON FORTI PERPLESSITÀ PER IL FUTURO5-3
    2. LE COMPONENTI E I NODI DELLO SCENARIO5-4
      1. Le risorse economiche della domanda potenziale5-5
      2. La fiducia delle famiglie aumenta (ma non sull’economia), quella delle imprese diminuisce con l’eccezione delle imprese di costruzioni5-9
      3. La nuova domanda, ovvero come e dove si trasforma il bisogno di edilizia5-10
    3. LA PRODUZIONE EDILIZIA NEL 20185-14
      1. Le tipologie edilizie e le destinazioni d’uso nel 2018 dei nuovi edifici5-15
    4. L’EDILIZIA RESIDENZIALE5-17
    5. L’EDILIZIA NON RESIDENZIALE5-21
  6. I MERCATI DELLE OPERE PUBBLICHE IN ITALIA6-3
    1. I MERCATI PER LA RICOSTRUZIONE, LA MANUTENZIONE E LA GESTIONE DELLE OPERE PUBBLICHE6-5
      1. L’evoluzione annuale dei mercati delle opere pubbliche6-5
    2. LAVORI TRADIZIONALI6-11
      1. I bandi6-11
      2. Le aggiudicazioni6-19
      3. Le imprese6-22
    3. COSTRUZIONE, MANUTENZIONE E GESTIONE6-24
      1. I bandi6-24
      2. Le aggiudicazioni6-27
      3. Le imprese6-29
    4. PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO6-31
      1. I bandi6-33
      2. Le aggiudicazioni6-40
      3. Le imprese6-42
    5. SERVIZI DI ARCHITETTURA E INGEGNERIA6-43
      1. I servizi di progettazione6-45
      2. I bandi BIM per le opere pubbliche6-48
    6. MERCATO DEI SERVIZI DI FACILITY MANAGEMENT PER LE OPERE PUBBLICHE6-52
      1. Il mercato FM per gli edifici6-54
  7. SISTEMA DELL’OFFERTA: ANALISI DEI BILANCI DELLA FILIERA DELLE COSTRUZIONI 20177-3
    1. 2017 IN RIPRESA DECISA PER TUTTI, MA NON PER MOLTE IMPRESE DI COSTRUZIONI7-3
      1. 80 miliardi di euro di fatturato analizzati7-4
      2. 2017: crescita e selezione, tirano impianti e progettazione grazie al codice degli appalti e al mercato del nuovo7-5
      3. Due segnali dal 2017: il primo confortante: la percentuale di imprese in utile sale e torna ai livelli pre-crisi; il secondo critico: la selezione non è finita e quando sono in gioco alcune grandi imprese di costruzioni si corre il rischio del “contagio”7-6
      4. Generalizzato miglioramento degli indici di bilancio7-7
      5. La crisi colpisce le piccole imprese, ma non solo, anche alcuni grandi piangono7-10
      6. Una sintesi dello scenario 20177-11
    2. IMPRESE DI COSTRUZIONI7-14
      1. Un anno difficile7-14
      2. Bilanci 2017: cresce la fascia da 50 a 100 milioni di euro7-18
      3. Segnali su cui riflettere dagli indicatori di bilancio7-23
    3. INGEGNERIA: BOOM PER LA PROGETTAZIONE E RIPRESA PER I GENERAL CONTRACTORS7-27
      1. General Contractors in crescita, ma la ripresa lenta del prezzo del petrolio nel 2017 incide ancora sui nuovi progetti e lascia in difficoltà alcuni big, e il 2018 è incerto, ma c’è chi cresce bene tra le medio-grandi e la progettazione, grazie al codice degli appalti7-29
      2. Progettazione: processi riorganizzativi, alleanze, digitalizzazione e internazionalizzazioni le strategie vincenti oltre al nuovo codice degli appalti7-33
      3. 2017: nel complesso netto miglioramento di margini e redditività, ma con importanti difficoltà di alcuni big e ruolo positivo degli appalti di progettazione grazie del contratto dei lavori pubblici7-37
    4. 2017 DELLE INDUSTRIE PRODUTTRICI: +7,7%, CRESCONO TUTTI TRANNE L’ILLUMINOTECNICA E I LATERIZI7-40

      La dimensione vince ancora: decimo anno di crisi ininterrotta per i più piccoli - Segnali più prudenti nel 2018 dalle semestrali delle industrie quotate in borsa - Acciaio +13,2%: il recupero dei prezzi di vendita aiuta la crescita del settore - Macchine per l’edilizia +8,3%: prosegue la crescita - Chimica per l’edilizia +4,6%: 2017 in netto miglioramento di fatturato, ma segnali ancora deboli dalla domanda interna - Serramenti +12,8%: un settore in ripresa - Elettrotecnica ed elettronica per le costruzioni: si consolida l’uscita dalla crisi - Climatizzazione +9,8%: il 2017 conferma il trend positivo del biennio 2015-2016 - Cemento +1,2%: il 2017 porta qualche segnale incoraggiante - Piastrelle + 2,9%: rallenta la fase di ascesa - Sanitari, valvolame e rubinetteria +3,2%: segnali di ripresa dopo la stabilità del 2016 - Laterizi -0,6%: il vero protagonista della crisi

      1. Un quadro complessivo in miglioramento ma con processi di selezione non ancora totalmente compiuti 7-62
    5. DISTRIBUZIONE DEI MATERIALI, SISTEMI E COMPONENTI PER LE COSTRUZIONI: +5,6%, UN BUON 20177-64
      1. Distributori di materiali edili +3,9%: crescita e incertezza7-66
      2. Distributori idrotermosanitari +4,5%: ma le piccole imprese continuano a soffrire7-67
      3. Distributori di materiale elettrico, elettrotecnico ed elettronico +7,6%: tecnologia e innovazione guidano la ripresa7-69
      4. 2017: migliorano le perfomance di bilancio7-70
    6. LE CLASSIFICHE7-73
  8. I FOCUS 8-3
    1. IL MERCATO DELL’ACQUA IN ITALIA8-3
      1. La rete idrica è vecchia, obsoleta e poco sostituita8-3
      2. La depurazione delle acque reflue è ancora più deficitaria8-7
      3. La questione degli investimenti e delle tariffe8-9
      4. Criticità e innovazione: per una riflessione strategica8-10
    2. LA RIVOLUZIONE TECNOLOGICA DELLE COSTRUZIONI E L’AVVIO DI UNA NUOVA FASE CULTURALE DI APERTURA ALL’INNOVAZIONE8-14
      1. Sei ambiti di innovazione8-14
    3. LE INFRASTRUTTURE STRATEGICHE E PRIORITARIE8-23
      1. Le infrastrutture strategiche e prioritarie programmate8-24
      2. Le risorse disponibili8-26
      3. Infrastrutture per sistema infrastrutturale8-27
      4. Lo stato di avanzamento per lotti8-28
      5. Infrastrutture per macro area geografica8-31
    4. SUD: TRA CRISI SOCIO-ECONOMICA E DEMOGRAFICA DEL 35% DEL PAESE E LA GRANDE OCCASIONE DEL TURISMO8-32
      1. La deriva demografica8-32
      2. L’eccezionale occasione del turismo8-38
      3. Qualche considerazione finale8-42
    5. UN FUTURO DI CROLLI? CICLI DI INVESTIMENTO STORICI, DEGRADO, OBSOLESCENZA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA8-45
      1. Il patrimonio edilizio più fragile8-45
      2. Quanto si spende nella manutenzione8-49
    6. QUANTI CANTIERI IN ITALIA? STRUTTURA DELL’OFFERTA E FORMA DEL MERCATO NELLE COSTRUZIONI8-52
      1. L’evoluzione dell’offerta: una analisi 2012-20168-54
      2. Specializzazione e contratti8-58
    7. CONNECTED CITIES E BLOCKCHAIN: LA RIVOLUZIONE DELLA GESTIONE DEI SERVIZI DIGITALI8-59
      1. Cosa è e come funziona una blockchain8-60
      2. I vantaggi della blockchain8-61
      3. Quando blockchain può essere la soluzione8-62
      4. Possibili ambiti di applicazione8-63
      5. Blockchain nella PA8-66
  9. ATTIVITÀ NORMATIVA - 20189-3
    1. LEGGE DI BILANCIO 20199-4
      1. Finanziamenti alle infrastrutture e agli enti locali9-4
      2. Misure per lo sviluppo e gli investimenti9-5
      3. Agevolazioni fiscali9-6
    2. DECRETO GENOVA9-7
    3. FONDO INVESTIMENTI9-10
    4. ALTRE MISURE IN MATERIA DI FINANZIAMENTI ALLE INFRASTRUTTURE9-10
    5. IL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI9-13
    6. LA NORMATIVA TECNICA9-14
 

Prezzi del rapporto:

  • € 1.900,00 + 22% IVA: € 2.318,00
  • € 1.100,00 + 22% IVA: € 1.342,00 (Soci Cresme)
Non sei socio del Cresme? Scopri i vantaggi
Il pagamento si può effettuare tramite bonifico bancario i cui estremi sono indicati di seguito:
Intestazione: CRESME Ricerche S.p.A.
Banca: UNICREDIT SPA
Agenzia: Viale Libia, 80/82 - 00199 Roma
IBAN: IT 93 X 02008 05219 000000387163
BIC SWIFT: UNCRITM178L

Se sei registrato effettua il Login per riempire i campi

Compila il form di richiesta

Opzionale, ma raccomandato

Socio Cresme: No
l'informativa sulla privacy

I nostri punti di forza

  • Oltre 50 anni di esperienza nel settore delle costruzioni

  • La soddisfazione dei clienti

  • Orientamento all'innovazione e alla formazione

  • L'accuratezza nell'analisi dei dati

"Cresme Ricerche Spa, utilizza i cookies per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione fatte dall’utente in modo da offrire la migliore esperienza sul proprio sito. Inoltre, Cresme Ricerche Spa, si riserva di utilizzare cookies di parti terze. Per avere maggiori informazioni e conoscere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Continuando a navigare sul sito, l’utente accetta l’uso dei cookies. Per proseguire conferma di aver preso visione di questo avviso cliccando sul tasto qui sotto o su qualsiasi altra parte del sito."