XXX Rapporto Congiunturale Cresme - 22 giugno 2021 SCOPRI DI PIU'


Congiunturale giugno 2021

 

 

Il settore delle costruzioni attraversa una fase di boom, alimentata da riqualificazione, opere pubbliche, immobiliare residenziale, che sta producendo un rapporto tra domanda e offerta squilibrato. D'un tratto manca manodopera e l'inflazione fa aumentare i prezzi. Che succederà quando finiranno gli incentivi? Tra depressione e euforia lo scenario è mutato, è necessario comporre numeri, criticità, e visione di quello che potrà succedere nei prossimi tre/quattro anni. Solo ripresa?
La Congiunturale del CRESME aiuta a vedere e a pre-vedere...

Come già nel 2020 Il Rapporto Congiunturale CRESME nel 2021 avrà due edizioni: la prima è stata presentata il 22 Giugno 2021 in webinar (il rapporto è disponibile per l'acquisto); la seconda sarà presentata, se sarà possibile dal vivo, altrimenti ancora in webinar, a Novembre 2021 insieme al Convegno Euroconstruct in una importante giornata europea delle costruzioni.

 

Lo scenario nel mercato delle costruzioni, con i segnali di forte ripresa degli investimenti da un lato, la complessità e i rischi che caratterizzano la ripresa dall’altro, richiede una visione costantemente aggiornata di quello che sta succedendo. I dati dei primi mesi del 2021 descrivono una crescita in grado di recuperare la caduta del 2020 ma, soprattutto, una significativa crescita rispetto al 2019, anno che fu già positivo. Sul piatto però non vi sono solo segnali confortanti per i prossimi tre-cinque anni, il rapporto tra domanda e offerta appare infatti squilibrato. La crescita è alimentata dagli incentivi fiscali per gli interventi di riqualificazione e dalla ripresa del mercato delle opere pubbliche. La ripresa del mercato mondiale e l’andamento dei corsi delle materie prime, la velocità della crescita e le dimensioni della domanda interna delle costruzioni in rapporto alla capacità produttiva della filiera, stanno determinando, al livello settoriale, una importante fase inflativa.

 

Le criticità legate ad altri settori dell’economia, alla disoccupazione e alle tensioni sociali, oltre alle varianti del virus, determinano tuttavia un contesto di forte incertezza. Cosa farà la domanda, divisa tra euforia e depressione nei prossimi anni? Il settore pubblico saprà allocare con qualità, efficienza e tempi giusti le ingenti risorse a disposizione per gli investimenti e per l’economia? L’offerta delle costruzioni ha la capacità di rispondere alla domanda in modo equilibrato, trovando la manodopera e i prodotti necessari? Avrà la capacità tecnica di cogliere l’occasione della crescita per innovare e lasciare un settore, finita la fase espansiva, su un altopiano stabile e pronto a competere, e non sul picco di una nuova discesa? La fine dell’economia forzata, l’accentuarsi dei rischi della stagione del debito, insieme ai grandi cambiamenti in atto, determineranno una situazione che può essere affrontata solo se il rilancio sarà vero. Appunto, se sapremo veramente investire produttivamente. L’innovazione, da questo punto di vista, resta l’unica grande strategia da seguire: come si scriveva in un recente studio inglese, le costruzioni nonostante lo scenario positivo sono di fronte ad una grande sfida: “modernize or die”.

 

L’appuntamento con i Rapporti del CRESME è un’occasione di incontro di lavoro approfondito sul mercato e sulla filiera delle costruzioni, su quello che sta succedendo ma, soprattutto, su quello che succederà.

 

 

Congiunturale Giugno 2021

 

CONTENUTO DEL RAPPORTO

  1. Lo scenario internazionale: economia e costruzioni
    1. Il contesto internazionale: l’impatto della crisi sanitaria e le previsioni macroeconomiche, modalità e tempi diversi della ripresa
    2. L’epidemia nel Mondo, il punto della situazione: cronologia di una pandemia, traiettorie a confronto e efficacia dei piani di vaccinazione, aree free covid
    3. Stimoli fiscali e politiche monetarie: le azioni dei governi e delle banche centrali a confronto, il resoconto definitivo
    4. Il commercio mondiale: scenari a medio breve termine
    5. I corsi dei prezzi delle materie prime: oggi e domani
    6. Scenari geopolitici: USA, Cina e Europa post Brexit
    7. Gli outlook territoriali: USA, Giappone, Regno Unito, Cina, India, Brasile, Russia, MENA, Africa sub-sahariana
    8. La congiuntura dell’Eurozona
    9. Lo scenario delle costruzioni nel Mondo
  2. Le costruzioni in Italia
    1. La congiuntura dell’economia nazionale: scenari e previsioni
    2. La ripresa della domanda, le criticità dell’offerta
    3. Territori a confronto: la ripresa economica nelle regioni italiane
    4. Demografia ed economia: lo tsunami demografico del 2020, impatto sociale ed economico dell’epidemia al livello territoriale, lo scenario delle migrazioni
    5. Mercato del lavoro: dinamiche settoriali
    6. Consumi e investimenti
    7. Le azioni del governo per la ripresa: una mappa per le costruzioni
    8. 110%: cosa sta succedendo, cosa succederà
    9. Lo scenario delle costruzioni in Italia: cosa sta succedendo
    10. Le previsioni per il mercato delle costruzioni: cinque anni di crescita? O tre?
    11. Le nuove costruzioni
    12. Il boom della riqualificazione da incentivo, e dopo?
    13. Le opere pubbliche: trasporti, le risorse si trasformano in lavori
  3. Il mercato immobiliare
    1. Il mercato residenziale
    2. Il contributo dell’indagine Banca d’Italia – Tecnoborsa – Agenzia delle Entrate
    3. Il mercato non residenziale
    4. Il mercato italiano per gli investitori esteri corporate e istituzionali
    5. L’indice di fiducia e la propensione all’acquisto immobiliare
    6. Lo scenario dei prezzi
    7. Il credito per l’acquisto
  4. Le opere pubbliche
    1. I mercati per la costruzione, la manutenzione e la gestione delle opere pubbliche
    2. Lavori tradizionali: bandi, aggiudicazioni
    3. Costruzione manutenzione e gestione: bandi, aggiudicazioni
    4. Partenariato pubblico e privato: bandi, aggiudicazioni
    5. Servizi di architettura e ingegneria
  5. Megatrends e scenari innovativi
    1. Il mondo post-covid: rappresentazioni
    2. Megatrend: le innovazioni attese
    3. In nuovi attori del mercato delle costruzioni (prima parte): finanza, energy services, multiservices, webservices
 
 

Prezzi Rapporto (formato digitale/online)

  • - Congiunturale Cresme edizione speciale 21 Giugno 2021 (Pdf online)
    - Prenotazione Congiunturale Cresme edizione tradizionale Novembre 2021 (Convegno + Pdf online)
    € 2.500,00+IVA (Soci Cresme: € 1.800,00+IVA)
  • Congiunturale Cresme edizione speciale 21 Giugno 2021 (Pdf online)
    € 900,00+IVA (Soci Cresme: € 600+IVA)
  • Gratuito (incluso nel pacchetto) - Sottoscrittori CresmeLab o Soci Cresme Extra

NB: Il Rapporto Congiunturale di novembre quest’anno avrà un costo di €2.100+Iva (Soci Cresme: €1.400+Iva)

 

 

Non sei socio del Cresme? Scopri i vantaggi
Il pagamento si può effettuare tramite bonifico bancario i cui estremi sono indicati di seguito:
Intestazione: CRESME Ricerche S.p.A.
Banca: UNICREDIT SPA
Agenzia: Viale Libia, 80/82 - 00199 Roma
IBAN: IT 93 X 02008 05219 000000387163
BIC SWIFT: UNCRITM178L

Se sei registrato effettua il Login per riempire i campi

Compila il form di richiesta


Se non sei in possesso del codice SDI digita '000'
 

Opzionale, ma raccomandato

Socio Cresme: No
l'informativa sulla privacy

I nostri punti di forza

  • Oltre 50 anni di esperienza nel settore delle costruzioni

  • La soddisfazione dei clienti

  • Orientamento all'innovazione e alla formazione

  • L'accuratezza nell'analisi dei dati

Questo sito utilizza i cookies di profilazione per tenere conto delle scelte di navigazione fatte dall’utente. Inoltre, vengono utilizzati anche cookies di parti terze. Per avere maggiori informazioni e conoscere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Continuando a navigare sul sito, l’utente accetta l’uso dei cookies. Per proseguire conferma di aver preso visione di questo avviso cliccando sul tasto qui sotto o su qualsiasi altra parte del sito.